Insight,

Product design in outsourcing?

Immagine accompagnamento product design in outsourcing

Abbiamo già discusso l’importanza del Product Design quale strumento per contenere i rischi di business associati allo sviluppo di un nuovo servizio digitale cercando di identificare il product marketing fit prima della fase di sviluppo vera e propria. Tuttavia, perché l’attività di Product Design funzioni deve essere svolta in modo adeguato. La gestione del Product Design in outsourcing può essere la soluzione per molte aziende.

Un processo con poco spazio per l’improvvisazione

La gestione dell’attività di Product Design secondo il modello della Design Sprint prevede un processo in cinque fasi basato sull’impiego del Design Thinking. Ideato all’interno del mondo Google nel 2010, il metodo  della Design Sprint mira ad aiutare i team a definire chiaramente gli obiettivi, convalidare i presupposti e decidere un piano d’azione del prodotto prima di iniziarne lo sviluppo. 

Si tratta di un processo formato da una serie di fasi consequenziali che però possono essere combinate in modo non lineare e reiterate n volte – singolarmente, in toto o a gruppi, a secondo della specifica esigenza. Quanto più numerose saranno le reiterazioni, tanto più verrà perfezionato il fit prodotto-mercato.

Caratteristica fondamentale di questo metodo è la sua estrema rapidità: l’intero processo è infatti immaginato per essere gestito in modo intensivo in soli 5 giorni. Queste tempistiche sono rese possibili grazie all’estrema focalizzazione sulle questioni strategiche, indagate utilizzando strumenti specifici quali prototipazione rapida, esercizi pre definiti, lavoro agile e interdisciplinare, e test di usabilità.

Ti piace leggere?

A noi piace scrivere, dai un’occhiata alle nostre guide e approfondimenti

Library di Innovazione Digitale
       .--.                   .---.
   .---|__|           .-.     |~~~|
.--|===|--|_          |_|     |~~~|--.
|  |===|  |'\     .---!~|  .--|   |--|
|%%|   |  |.'\    |===| |--|%%|   |  |
|%%|   |  |\.'\   |   | |__|  |   |  |
|  |   |  | \  \  |===| |==|  |   |  |
|  |   |__|  \.'\ |   |_|__|  |~~~|__|
|  |===|--|   \.'\|===|~|--|%%|~~~|--|
^--^---'--^    `-'`---^-^--^--^---'--' 

Facilitatore cercasi: la prima ragione per esternalizzare il Product design

Sulla carta la soluzione è ottimale, ma c’è un aspetto che può mettere in difficoltà le aziende che si avvicinano a questo processo: la sua gestione. Una volta deciso di intraprenderla, quali percorsi dovrà seguire? Come strutturarla? Quali attività prevedere? Chi coinvolgere? 

Il Facilitatore è una figura fondamentale, incaricata di tirare le fila dell’intero processo scandendone i tempi, gestendo esercizi e interviste e garantendo l’efficacia e l’efficienza dell’intero progetto. Questa attività deve infatti essere progettata e condotta secondo regole e prassi ben precise, per evitare di perdere la focalizzazione o falsare i risultati. Per questo è fondamentale che sia condotta da una persona formata allo scopo. E’ però raro che simili skill siano presenti all’interno tra le corporate expertise, specialmente per le PMI. Di conseguenza, le aziende dovranno scegliere di appoggiarsi a partner specializzati per il Product Design. 

Come selezionare il partner per l’outsourcing

Generalmente, nelle software house lo sviluppo del prodotto digitale si basa su specifiche intuite ed elicitate sulla base dei desiderata del cliente, affinati  tramite un confronto con lo staff commerciale della software house ed eventualmente con il tecnico che gioca il ruolo di capo progetto. Ancora poche realtà – ad esclusione delle grandi multinazionali — sono in grado di offrirsi come partner a cui affidare la gestione del Product Design. Di conseguenza, la possibilità che viene offerta alle aziende è quella di coinvolgere dei consulenti specializzati esclusivamente in questa parte.

Si tratta di un impegno aggiuntivo in termini economici e di eventuale difficoltà di collaborazione tra equipe che non si conoscono, ma in molti casi viene considerata l’unica opzione per affidare il Product Design in outsourcing in modo sicuro.

Convinta dell’importanza di questa attività, Bottega52 ha deciso di introdurre come parte integrante del suo normale percorso l’Enterprise Digital Product Design – finalizzato allo sviluppo di prodotti software – anche una fase di Product Design completamente gestita, rendendo superfluo il coinvolgimento di organizzazioni terze per l’organizzazione di questi cicli. Ha infatti deciso di investire per aggiungere tra i propri skill aziendali quelli di gestione del processo di Product Design, diventando a tutti gli effetti un partner completo per il product design e dello sviluppo di servizi digitali gestiti.

Hai visto qui?

Abbiamo molti altri articoli da leggere, vai a vedere!

Insights52
,---------------------------------------.---------.    
|                                       |         |    
|    ,-----------------------------.    |    .    |    
|    |                             |    |    |    |    
|    |    ,-------------------.    |    |    |    |    
|    |    |                   |    |    |    |    |    
|    |    `----     ,----     |    |    |    |    |    
|    |              | @       |    |    |    |    |    
|    |    ,---------"---------:    |    `----'    |    
|    |    |                   |    |              |    
|    `----:    ,---------.    |    `---------.    |    
|         |    |         |    |              |    |    
|    .    |    |    .    |    |     ---------'    |    
|    |    |    |    |    |    |                   |    
:----'    |    |    |    |    |    ,--------------:    
|         |    |    |    |    |    |              |    
|    .    |    `----'    |    |    |     ----.    |    
|    |    |              |    |    |         |    |    
|    `----"---------     |    |    `---------'    |    
|                        |    |                   |    
`------------------------'    `-------------------'